Martina

Seduta e io accarezzando la polvere
sulle tue ginocchia, il fuoco
rivela l’aurea del tuo essere
donna, gli stessi inafferrabili
proseguono febbrilmente un’opera
che tra il soffocare e il successivo
uguale sembrava esserci questa poesia.

CLF

Annunci

2 risposte a "Martina"

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...